Le panchine giganti sul Lago d’Iseo: dove sono e perché dovete assolutamente andarci

Conoscete il Big Bench Project? Un progetto nato in Piemonte e poi esteso in tutta Italia caratterizzato dalle Panchine Giganti di Chris Bangle e realizzato per valorizzare le realtà locali, le aree meno note e raccontarle, preservarle, rilanciarle.

Un progetto che mi ha affascinato subito e che mi ha portato a cercare le panchine giganti durante i miei viaggi e la primissima l’ho proprio visitata in Lombardia, ecco perché oggi voglio dedicare un post alle panchine giganti sul Lago d’Iseo, non solo per darvi qualche consiglio di visita, ma per raccontarvi di questo progetto davvero tanto lodevole!

Il Big Bench Project

Una iniziativa no profit promossa da Chris Bangle, designer americano, insieme alla moglie Catherine nato d’dapprima per valorizzare le realtà artigianali e tradizionali piemontesi. In Piemonte infatti troverete tantissime panchine, le potete cercare nella mappa interattiva del sito.

Da questa prima regione però, il progetto si diffuse coinvolgendo sempre più cittadine, regioni e realtà locali, tanto da creare una rete in continua crescita che si sta diffondendo lungo tutto lo stivale.

Mi è piaciuto subito questo progetto e se vi va di darci un’occhiata, ne ho parlato anche su Blogger Advisor in un post specifico sulle panchine giganti in Italia.

Un punto di vista diverso, un panorama sulla tradizione e sui piccoli borghi

Sono dei punti panoramici privilegiati, delle sedute sulla maestosità dei territori italiani. Spesso si raggiungono con dei trekking e sono talmente grandi che ci può salire un’intera combriccola per fare una foto di gruppo!

Sono simpatiche, giocose, romantiche, sono un punto di vista diverso, non solo per fare una bella foto ma anche per conoscere nuovi territori e nuove realtà artigiane.

Le panchine sul Lago d’Iseo

Ce ne sono ben 4 sul lago d’Iseo, tutte viste privilegiate per godersi il lago dall’alto.

Panchina gigante verde di Pilzone (n.73)

Questa si trova tra Iseo e Sulzano, in località San Fermo e dalla panchina si gode di una super vista sul lago e su Monte Isola.

Per raggiungerla serve fare un trekking su ciottolato piuttosto ripido, quindi serve avere le gambe un pochino allenate e assolutamente le scarpe da trekking (anche se le consiglio sempre anche con sentieri facili).

Potete lasciare l’auto presso il parcheggio libero del cimitero di Pilzone d’Iseo, raggiungere a piedi Piazza Basilio Cittadini, e da lì seguire via Silano e le indicazioni per l’Antica Strada Valeriana con direzione Monticelli Brusati.

panchine giganti sul lago d'iseo: panchina verde sul panorama
Foto di VisitLakeIseo

Panchina Gigante Gialla Sale Marasino (n. 74)

Siamo a pochi minuti di macchina dalla prima panchina e ci troviamo nei pressi di Sulzano, località Sale Marasino.

Si può lasciare la macchina nei pressi della chiesa di San Giacomo e si inizia a piedi lasciando la chiesa sulla destra. Da qui dovete sottopassare la strada provinciale 510 e continuare fino all’imbocco del sentiero, una volta immersi nel bosco, in dieci minuti arriverete alla panchina.

Questo è un sentiero decisamente più praticabile ma ricordo sempre di scegliere le scarpe adatte.

Panchina Gigante Gialla Sale Marasino
Foto di VisitLakeIseo

Panchina Gigante verde e blu di Riva di Solto (n.53)

Continuiamo il nostro tour alla scoperta delle panchine giganti sul Lago d’Iseo, questa volta viriamo sull’altra riva, in una zona più aspra rispetto alla precedente ma ricca di borghi e scorci panoramici sul lago d’Iseo. Siamo vicini a Rovere e all’Orrido di Bogn, consiglio un super giro per tutta la zona.

Qui troviamo la nostra terza panchina, questa volta bicolore.

Potete parcheggiare in piazza a Fonteno nei pressi del municipio oppure tentare la fortuna in uno dei pochi parcheggi in Via Papa Giovanni XXIII, 10.

Da qui si percorre Via Papa Giovanni XXIII fino all’imbocco del vecchio collegamento che portava a Solto Collina. Il percorso durerà circa 40 minuti, è in salita e si immerge nel bosco fino alla radura dove si trova la panchina.

Panchina Gigante verde e blu di Riva di Solto
Foto di VisitLakeIseo

Panchina Gigante blu di Rogno (n. 32)

La prima panchina gigante installata sul lago, questa ancora oggi mi domando come diamine ho fatto a trovarla.

Mauro e io, infatti, abbiamo lasciato la macchina in località Piazze, proprio in via Piazze dove ci sono pochi posti auto e da lì abbiamo imboccato il sentiero fino alla panchina ma potete anche lasciare la macchina al cimitero di Piazze, davanti al cimitero dovrebbe esserci l’imboccatura del sentiero che porta alla panchina gigante.

Qui siamo molto vicini alla Valcamonica, quasi un punto di confine tra lago e montagna e siete vicini a Clusone giusto per concludere in bellezza il giro!

panchine giganti sul Lago d’Iseo
La panchina gigante di Rogno

Ultimi consigli prima di partire alla scoperta delle panchine

Sapevate che esiste un vero e proprio passaporto da timbrare tutte le volte che visitate una nuova panchina gigante? Vi lascio il link dedicato per trovare tutti i punti dove fare i timbri.

Detto questo lo ripeto per l’ennesima volta, ma ci tengo ad essere chiara, vestitevi comodi e scarpe da trekking assolutamente. Sul sito di VisitLakeIseo inoltre, potete trovare alla sezione dedicata alle panchine anche tutte le tracce gpx da scaricare per affrontare i trekking.

Sconsiglio la stagione estiva essendo tutta la zona molto molto umida e spesso si fa fatica a respirare per l’umidità, ma se siete in viaggio proprio in estate, ricordate di portare con voi nello zaino tanta acqua, un cappellino o la crema solare e ovviamente la macchina fotografica carica per fare tante foto!

Buona gita alla scoperta delle panchine giganti sul Lago d’Iseo!

#StayCappellacci

Grazie per aver letto il mio articolo. Mi chiamo Sara, sono una content creator di professione e travel blogger per passione.
Qui puoi sapere chi è Cappellacci a Merenda, scoprire l’origine del mio nome, e valutare se ti va di collaborare con me.
Qui trovi i link alla mie pagine Instagram e LinkedIn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto