Ecco perché visitare San Luca a Bologna: fascino e pratica del santuario bolognese

Ci sono quei luoghi che restano irrazionalmente nel cuore, San Luca a Bologna è uno di questi. Uno di quei luoghi che ho visitato per curiosità, in una gita della domenica, e ora visitare San Luca è una tappa obbligatoria ogni anno.

Sai di essere vicino a casa quando, mentre sei di ritorno da un viaggio, intravedi dalla strada San Luca che domina su tutta Bologna.

Tutti i giorni, quando ero pendolare tra Ferrara a Bologna, mi bastava alzare lo sguardo al momento giusto e vedevo, nelle giornate serene, San Luca in lontananza, e mi dava subito un senso di serenità.

Badate bene, non riguarda l’aspetto religioso, ma non so, sarà per il suo essere così in alto, sarà che è proprio bello questo santuario, ma visitare San Luca è d’obbligo se siete a Bologna

Ecco perché visitare San Luca a Bologna: fascino e pratica del santuario bolognese

Fascino e mistero del santuario bolognese

Domina Bologna dal colle della Guardia. Il santuario della Madonna di San Luca è raggiungibile a piedi da Porta Saragozza percorrendo il porticato più lungo al mondo, 3.5 kilometri per 666 arcate, una curiosità che ho inserito anche nel post dedicato alla Bologna Insolita e Segreta.

Fu fin da subito meta di pellegrinaggio, soprattutto per venerare l’icona della Vergine col Bambino.
Leggenda vuole che un pellegrino greco in pellegrinaggio a Costantinopoli, avrebbe ricevuto dai sacerdoti della basilica di Santa Sofia questo dipinto, attribuito a Luca evangelista, incaricandolo di portarlo sul monte della Guardia.

Il nostro pellegrino si incamminò quindi per raggiungere l’Italia e una volta arrivato a Roma, venne a sapere che il monte in questione si trovava a Bologna. Una volta raggiunta la città, il dipinto venne preso dalle autorità e portato in processione al monte.

L’icona è stata coinvolta in altre leggende e miracoli, così da dare ancora più mistero e notorietà al santuario di San Luca.

Ecco perché visitare San Luca a Bologna: fascino e pratica del santuario bolognese

Visitare San Luca: informazioni pratiche

La visita del santuario è gratuita mentre per salire sulla terrazza panoramica e fare quindi la San Luca Sky Experience, questa prevede una donazione di 5€.

Tutto intorno al santuario è presente un parco con una vista panoramica splendida sui colli e su Bologna. Ci sono panchine e si sta davvero molto bene!

C’è anche un piccolo bar e i bagni, quindi tranquilli, è organizzato in tutto.

Raggiungere il Santuario di San Luca: come fare?

Questa è una bella domanda!

Ci sono diverse possibilità.

  • La prima è tentare il pellegrinaggio a piedi, cosa che fanno molte persone ogni anno, percorrendo tutti i portici in salita… Occhio, mettete delle buone scarpe e vestitevi sportivi.
  • La seconda è in auto, è possibile raggiungere tranquillamente San Luca in macchina, la strada è tutta curve ed è piuttosto ripida, ma si percorre bene. In prossimità del santuario c’è un bel parcheggio molto comodo, vi lascio le coordinate: Unnamed Road 40135, 40135 Bologna BO.
Ecco perché visitare San Luca a Bologna: fascino e pratica del santuario bolognese

L’opzione del trekking per raggiungere San Luca

C’è l’ultima opzione, quella più faticosa e divertente, un bel trekking!

Partendo da Casalecchio di Reno si può visitare il Parco Talon, il parco accanto alla Chiusa di Casalecchio di Reno, molto molto bello per fare delle foto.

Dal parco si deve raggiungere Via dei Bregoli, dove c’è la chiesa e da li proseguire il percorso che diventa Sentiero dei Bregoli che porta fino a San Luca.

P.S. Se siete allergici ai pollini o alle api e insetti vari ve lo consiglio, è una zona erbosa e semi boschiva con tanti fiori, tutto molto bello, ma api e starnuti sono all’ordine del giorno.

Detto questo, non posso fare altro che dirvi di nuovo che visitare San Luca è un obbligo se siete a Bologna!
Volete conoscere altro sulla città?

  • Visitare Bologna in un giorno
  • I sette segreti di Bologna
  • Itinerario nella Bologna Insolita e Segreta

#StayCappellacci

Grazie per aver letto il mio articolo. Mi chiamo Sara, sono una content creator di professione e travel blogger di passione.
Qui puoi sapere chi è Cappellacci a Merenda e valutare se ti va di collaborare con me.
Qui trovi il link alla mia pagina su Instagram e su LinkedIn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto