Content marketing: come creare la tua community

Avete presente quelle citazioni tratte da La Mucca Viola che tutti (ma proprio tutti) i social media manager (veri e presunti) e marketers (ancora una volta veri e presunti) menzionano? Ecco, quella è la base del content marketing.

Il problema è che testi come La Mucca Viola, sebbene interessanti, sono diventati ormai scontati per come si è evoluto ora il marketing e il content marketing; se prima si parlava di “content is the king” ora direi che siamo arrivati al punto di dire “community is the queen” e imparare come creare la tua community è vitale!

Perché possiamo creare i contenuti più belli del mondo, ma se non riusciamo a creare una community interessata ai nostri contenuti, che interagisce con noi e che condivide ciò che facciamo, avremo solo dei bei contenuti.

come creare la tua community: gif di homer simpson

Questo poteva anche bastare quando online c’erano poche persone, ma ora viviamo la rete come in tangenziale nell’ora di punta e serve sapere come districarci dal traffico.

Per questo dobbiamo imparare a intercettare il nostro pubblico e coccolarlo.

Come creare la tua community: stile, fidelizzazione, valore

Per creare la tua community devi prima partire da te, chi sei, cosa fai e come lo fai. Non mi dilungherò su questa parte, ho già fatto diversi post dedicati che ti lascio qui:

e che sono utili per partire in questa grande avventura nel mondo dei contenuti.

creare una community firends gif

Stile

Una volta che hai messo a fuoco il tuo operato, sei pronto quindi ad identificare il tuo stile e renderlo unico, riconoscibile, un esempio?

Camihawke. Lei è la regina dello stile, dalle parole inglesi italianizzate, al tiramisù uovoso, dai giochi da tavolo alle sue tantissime rubriche. Lei è riconoscibile, il suo stile è riconoscibile ed è unico.

Tutti gli altri la copiano.

Quindi cerca il tuo slogan, ciò che ti contraddistingue dagli altri e usalo nei tuoi contenuti. Che siano contenuti sui social o su un blog, che sia un sito web, lo stile deve essere riconoscibile.

Fidelizzazione

Il secondo passo per creare una tua community è fidelizzare. Far diventare l’utente che trova il tuo blog un lettore del tuo blog, far diventare un like su Instagram un commento.

Qui però si va al di là dei numeri, qui si va a toccare il cuore delle persone.

La fidelizzazione è la coccola che riesci a dare a chi ti segue e decide di continuare a seguirti. Qui entra in gioco la qualità del tuo contenuto e la tua abilità di interagire.

come creare la tua community: gid di a modern family

Rispondi sempre ai commenti e invita a commentare, chiedi il consiglio di chi ti segue e ringrazia se il consiglio è stato utile. Rendi gli utenti partecipi nella realizzazione dei tuoi contenuti chiedendo anche a loro di partecipare o di dire cosa vorrebbero leggere di nuovo.

Crea giochi, piccoli quiz, crea un freebie con dei contenuti utili, attiva dei codici sconto per chi ti segue e continua a farlo nel tempo.

Valore

La parolina magica che entra in gioco in ognuna delle fasi citate.

Deve sempre esserci valore dietro ciò che facciamo e come lo facciamo.

Detta in modo melenso, bisogna essere persone di valore che creano prodotti di valore per un pubblico di valore.

creare la tua community: gif di capitan america
Diventa come Capitan America

Il valore è come il cioccolatino sul piattino del caffè al bar, è quella cosa che ti fa apprezzare ancora di più un buon caffè, quella cosa che ti fa dire ok, ritornerò ancora qui, è quella cosa che ti rende simpatico il barista, il valore deve essere sempre presente e deve dare quel quid a tutto.

Ma arriviamo al pratico: come creare una community forte?

Come sempre non esistono ricette magiche, tutto sta sempre in ciò che facciamo, io posso solo approntare alcune buone pratiche da seguire tutti i giorni:

  • Crea un calendario dei contenuti e preparali per tempo, seguendo le tendenze, guardando se ci sono ricorrenze particolari.
  • Pensa sempre ad una call to action pertinente al tuo argomento che inviti le persone ad interagire.
  • Rispondi a queste interazioni e stimola il dialogo.
  • Pensa al tuo stile inventando slogan, usando una palette colori particolare, usando delle gif o emoticon particolari che ti identifichino.
  • Pubblica con regolarità selezionando le giornate e gli orari, così chi ti segue saprà che quel giorno a quell’ora pubblicherai.
  • Racconta anche un pochino di te, mettici la faccia. Le persone apprezzano molto il lato umano dietro ai contenuti. Trova il giusto compromesso tra la tua privacy e cosa invece rivelare.
creare una community: gif di emily in paris
  • Ogni tanto esci dal tema. Avere un tema particolare su cui specializzarsi e identificarsi è ottimo, ma ogni tanto sfrutta i social o il blog anche per parlare di altro, argomenti diversi che possono comunque incuriosire il tuo pubblico, farlo dialogare e perché no, magari così è invogliato a cercare alcuni dei tuoi contenuti.

Poi dai tempo al tempo. Avere anche solo 10 persone che ti seguono fedelmente è molto di più che avere migliaia di persone che ti seguono ma che non sono realmente interessate a ciò che fai.

Coltiva le relazioni, i risultati poi arrivano!

#StayCappellacci

Grazie per aver letto il mio articolo. Mi chiamo Sara, sono una content creator di professione e travel blogger per passione.
Qui puoi sapere chi è Cappellacci a Merenda, scoprire l’origine del mio nome, e valutare se ti va di collaborare con me.
Qui trovi i link alla mie pagine Instagram e LinkedIn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto