Street art a Milano: itinerario per l’arte urbana in città

Quanti amanti della street art su la mano! Io adoro cercarla per le città e borghi che visito e la street art a Milano l’ho amata particolarmente.

Eccoci con un bel itinerario dedicato alla street art di Milano, un modo diverso dal solito per conoscere la città e per girarla in lungo e in largo aguzzando lo sguardo. Milano ha davvero un sacco di murales, quelli che vi segnalo sono i murales presenti nelle zone più “turistiche” poco lontane dal centro storico o dai luoghi di interesse più famosi.

Street art a Milano: itinerario per l’arte urbana in città

Scarpe comode e iniziamo!

Street art a Milano, prima tappa: Giardino delle Culture

Questi sono stati i primissimi muralesdi Milano che ho visto nel mio itinerario, questo perché il mio alloggio era proprio accanto al Giardino delle Culture ed è stato bello osservarli tutti i giorni mentre mi incamminavo verso le mie tappe giornaliere.

Saltano subito all’occhio i due grandi murales di Millo, a sinistra “Heart Slingshot” a destra “Love Seeker”, un dedalo di vie dove il tocco rosso del cuore risalta.

Accanto a Millo abbiamo il murales di Solo e Diamond commissionata dall’Ente Nazionale per il Turismo Ceco di Milano e che parla proprio di Milano, in un mix tra art nouveau e pop art, in netto contrasto con la delicatezza di Millo, ma stupendo nella cornice del Giardino delle Culture.

Tra l’altro, questo giardino è una grandissima opera di riqualificazione, un giardino urbano perfetto per bambini e ragazzi.

Street art a Milano: giardino delle culture millo
 Solo e Diamond giardino delle culture

Wall of Dolls: l’arte della denuncia

Sappiamo che la street art può nascere dal voler riqualificare un luogo ma nasce anche dalla denuncia. A pochi passi dalle belle Colonne di San Lorenzo troviamo un grande esempio dela street art a Milano, il Wall of Dolls, il muro delle bambole di  Via De Amicis 2, un muro per denunciare il femminicidio.

L’idea è nata da Jo Squillo che ha scelto proprio la bambola come simbolo di denuncia contro i femminicidi. Pensate che è del 2020 la notizia che riportava l’atto vandalico contro il muro, parte del muro è stato bruciato e da quel che so non è stato trovato un colpevole.

Oggi comunque potete vederlo, il Wall of Dolls è in piedi e continua a gridare giustizia.

street art milano: wall of dolls

Street art a Milano: il tributo a Fraintesa

C’è quel lato della street art che vuole semplicemente essere un tributo, un ricordo, questo è il murales dedicato a Fraintesa, che trovata nella via giusto davanti al Cimitero Monumentale, dalla fermata della metro Monumentale.

Un murales colorato come l’animo di Fraintesa realizzato dalla street artist milanese Stefania Marchetto in arte SteReal. Fraintesa, la travel blogger che ha ispirato tante altre travel blogger come me, che ho iniziato a scrivere leggendo i suoi post e facendo tesoro dei suoi consigli, bravissima e d’ispirazione, vi invito a vederlo e a leggere il suo libro: “Vivi ogni giorno come se fosse il primo”.

murales dedicato a fraintesa

Il tripudio della street art a Milano: i Navigli

Ai Navigli la street art a Milano sprizza colori da tutti i muri, un tripudio di arte tra murales, sticker art e altro ancora.

Vi consiglio di passeggiare lungo l’Alzaia Naviglio Grande per vedere il murales di TvBoy dedicato a Sala e proseguire nella camminata per incrociarne un altro sempre del grande street artist, il “follow the blue” ricordando l’importanza della prevenzione contro il tumore alla prostata.

sala di TvBoy
follow the blue sui navigli

Non solo TvBoy, ci sono tantissimi murales a farvi compagnia.

Proseguite fin sotto al ponte Guido Crepax, qui vedrete dei grandissimi murales dedicati all’Inferno, Purgatorio e Paradiso di Dante realizzati dagli artisti di We Run the Streets. Opere enormi, iperrealiste e stupende.

infeerno purgatorio e paradiso ai navigli

No dimenticate di fare un salto anche al naviglio pavese. Qui, all’incrocio tra Via Ascanio Sforza e Via Giuseppe Lagrange, proprio dal ponte sul naviglio, ci sarà uno squalo pronto a mangiarvi.

Il quartiere dei fumetti

Per non farci mancare nulla e se avete voglia di camminare, raggiungete Via Pesto, il cosiddetto “quartiere dei fumetti” riqualificato da Diabolik!

Infatti qui potete trovare tutta una serie di murales realizzati da We Run the Streets in collaborazione con un sacco di enti e con la stessa casa editrice di Diabolik, una collaborazione intensa che ha portato colore in questa zona di Milano.

Altri murales di Milano…

Milano non smette mai di stupire e ci sono ancora un sacco di murales da scoprire. Una delle guide più interessanti che ho letto è quella di itsfederrica, vi lascio il link al suo Instagram così potete scoprire altre chicche artistiche per Milano.

Street art a Milano: itinerario per l’arte urbana in città
Street art a Milano: itinerario per l’arte urbana in città

Buon giro e…

#StayCappellacci

Grazie per aver letto il mio articolo. Mi chiamo Sara, sono una content creator di professione e travel blogger per passione.
Qui puoi sapere chi è Cappellacci a Merenda, scoprire l’origine del mio nome, e valutare se ti va di collaborare con me.
Qui trovi i link alla mie pagine Instagram e LinkedIn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto