Forest Bathing in Italia: cos’è e perché lo consiglio a tutti

Lo Shinrin-Yoku è nato in Giappone attorno al 1980 come una parte del programma sanitario nazionale per ridurre lo stress e sensibilizzare i cittadini alla protezione delle foreste. Questa pratica è meglio conosciuta come Forest Bathing e la si può praticare anche in Italia

Non serve andare in Giappone per sperimentare questo contatto con la natura, anzi, si può fare Forest Bathing in Italia, conoscendo meglio il proprio territorio e valorizzando così le nostre foreste e aree naturali.

Forest Bathing in Italia: cos’è e perché lo consiglio a tutti

Io l’ho sempre fatto da piccola, anche se onestamente non avevo la benché minima idea che fosse usato come terapia e che avesse questo nome, ma ho sempre amato stare a contatto con la natura, chiudere gli occhi e aprire i sensi.

So che può sembrare incredibilmente cretino da dire, me ne rendo conto, ma mi ha aiutato tantissimo per alleviare lo stress e l’ultimo viaggio in Alto Adige me ne ha dato conferma.

Forest Bathing in Italia: cos’è e perché lo consiglio a tutti

Che cos’è il Forest Bathing?

Non riguarda il mero “abbraccio un albero e via” ma è un vero incoraggiamento a lasciarsi andare, aprire i propri sensi e sentirsi in relazione con la foresta. Respirare a pieni polmoni e lasciasi pervadere dai profumi, dai suoni degli alberi.

L’odore delle foglie, l’odore della resina, il suono dell’aria tra i rami, è un modo diverso di vivere la natura e che rientra a pieno titolo in quella forma di turismo lento di cui ho parlato nel post dedicato al Trentino Alto Adige on the road.

Ricercare il proprio benessere, lasciare andare tutti i pensieri e lo stress accompagnati dalla foresta, serve aprire la mente senza sforzo, se trovate il posto adatto viene quasi naturale!

Dove bagnarsi nella foresta in Italia

Non serve andare lontano per praticare questa forma di benessere serve cercare gli alberi, tanti alberi.

Un albero non fa una foresta e per fare un vero bagno servono tanti alberi. In Italia ci sono tantissime aree boschive perfette per fare forest bathing ma ce ne sono alcune realizzate apposta per questa pratica.

Proprio in Trentino Alto Adige nel bosco a Fai della Paganella sono stati organizzati quattro percorsi tematici dedicati ma l’Alto Adige e ricco di foreste dove immergersi.

Io per esempio ho fatto forest bathing in Alto Adige, alle Cascate di Riva, mentre ero immersa nel bosco per raggiungerle. Fortunatamente sono andata in un giorno in cui non c’erano persone e mi sono lasciata letteralmente trasportare.
Ad un certo punto, mi sono resa conto che stavo camminando ad occhi chiusi e con le braccia aperte respirando a pieni polmoni e mi sono stupita di non essere inciampata!

Forest Bathing in Italia: cos’è e perché lo consiglio a tutti

Oltre alla Valle Aurina (dove si trovano le Cascate di Riva) il forest bathing è praticato attivamente anche in Val di Non.

Potete anche praticarlo autonomamente nella Valle dei Mulini, circondati dal torrente e dagli alberi o nell’area di Parco Naturale Fanes – Sennes –Braies mentre andate al celeberrimo Lago di Braies.

Un percorso lo si può trovare anche in Piemonte presso l’Oasi Zegna, dove ci sono percorsi specifici dedicati a questa pratica.

Forest Bathing in Emilia Romagna

Il Forest Bathing in Italia lo si può fare lungo tutto lo stivale e non solo al nord.

Parlando della mia regione, non posso che consigliare questa pratica nel parco dell’appennino tosco-emiliano tra boschi di faggio, di quercia e castagneti.

Alla scoperta del Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina: il sentiero trekking a portata di tutti

Oppure potete immergervi nel bellissimo bosco al Parco dei Sassi di Roccamalatina e rilassarvi tra gli alberi andando anche alla scoperta della cultura locale.

Vi consiglio qualche bosco

Posso suggerirvi di immergervi letteralmente nella natura della Cascata delle Marmore o, sempre in Umbria, scoprire le Cascate del Menotre.

Potete fare forest bathing ad Asiago, lungo il sentiero che porta alla Mina dello Scalambron sul Monte Zebio oppure rigenerarvi nella foresta che vi conduce al Santuario della Madonna della Corona, per unire spirito e mente.

L’Italia è ricca di foreste meravigliose che meritano di essere rispettate e preservate e magari percepire un contatto con la natura può essere utile anche per questo fine.

#StayCappellacci

Grazie per aver letto il mio articolo. Mi chiamo Sara, sono una content creator di professione e travel blogger per passione.
Qui puoi sapere chi è Cappellacci a Merenda e scoprire l’origine del mio nome oltre a valutare se ti va di collaborare con me.
Qui trovi il link alla mia pagina su Instagram e su LinkedIn.

5 pensieri su “Forest Bathing in Italia: cos’è e perché lo consiglio a tutti

  1. Anche io ho imparato la più vera connessione con la natura proprio in Trentino Alto Adige, ed è stato davvero rigenerante ed emozionante.
    Grazie per questo articolo diverso ed utile!

  2. Dovremmo imparare a darci il tempo di godere di ogni piccolo momento che la vita ci regala; già solo se cambiassimo ritmo alle nostre giornate sarebbe un gran passo. Ma nulla penso sia meglio di una bella immersione nella natura; ottimi consigli, qualcuno nemmeno troppo lontano da casa, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto