Estate al Lago di Braies: i miei trucchi per parcheggiare e godersi la magia del lago!

Era l’alba. Il lago calmissimo, c’era solo silenzio e l’aria frizzantina, non sembrava di essere in estate al Lago di Braies con il maglione di lana! E non sembrava di essere in uno dei luoghi più gettonati del Trentino Alto Adige.

Invece ero lì, a godermi il lago in tranquillità, era mio, anche se solo per un momento.

La magia dell’alba al Lago di Braies è davvero qualcosa di unico, mi ha emozionato vederlo, mi sono resa conto della vera bellezza di questo luogo.

Temevo che sui social la post produzione avesse alterato il lago per renderlo accattivante, invece non ci vogliono filtri davanti a questa bellezza.

Estate al Lago di Braies: perché andare all’alba

L’estate è un momento di altissima stagione in Val Pusteria e il lago viene preso d’assalto dai turisti praticamente ad ogni ora. Per questo, già da un paio di anni, il lago viene chiuso dalle ore 10 alle ore 15 al traffico delle macchine, in modo da preservare il luogo, evitare disagi e incentivare mezzi alternativi come autobus, bici o trekking per raggiungere questa perla.

Se come me però, vi serviva necessariamente l’auto perché dovete fare altre visite in quella giornata, allora vi suggerisco davvero di andare all’alba.

E non solo perché vengono delle bellissime foto.

All’alba la luce fa risplendere l’acqua del lago, le montagne sono sfumate di rosa e c’è poca gente, è il momento perfetto per fare una passeggiata in totale tranquillità.

Estate al Lago di Braies: i miei trucchi per parcheggiare e godersi la magia del lago!

Le strutture sono ancora chiuse e così vale anche per i bagni pubblici, ma potete davvero godervi al massimo il lago senza gente e caos, parcheggiare vicini al lago. L’atmosfera è quasi sospesa e potrete apprezzare anche il bel freschetto mattutino.

La leggenda dei selvaggi di Braies e altre magie

La prima leggenda letta su Braies ha una vena magica come il lago stesso.

Molto tempo fa a Braies vivevano molti cervi. Uno, il cervo più maestoso, spesso pascolava per i boschi della zona. Un giorno però, mentre era tranquillo al pascolo, dei cacciatori lo braccarono, ferendolo gravemente, questo però, sebbene ferito, riuscì a scappare nella foresta.

Tempo dopo, i cacciatori tentarono di nuovo di cacciare il cervo ma ogni volta questo scompariva nella foresta per poi ricomparire in forze. Così un giorno un cacciatore che sparò al cervo decise di seguirlo e scoprì che questo andava a bagnarsi in una sorgente limpida dal grande potere curativo. La sorgente venne chiamata “Fonte del Cervo” e lo stemma del comune di Braies raffigura proprio un cervo che si abbevera alla sorgente.

Un altra leggenda invece racconta che le montagne di Braies erano abitate da una popolazione di selvaggi, selvaggi non nel senso di rozze persone cattive, tutt’altro, erano chiamati così per il loro aspro aspetto.

Questi selvaggi cercavano oro e pietre preziose, le commerciavano e le usavano per realizzare vari oggetti.
Nella stessa valle arrivarono dei pastori che incontrarono i selvaggi e questi mostrarono i loro tesori.

I pastori bramosi dell’oro, ne volevano di più e iniziarono a derubare i selvaggi. Quest’ultimi per difendere i loro tesori furono costretti ad un’unica soluzione, aprire le fonti sotterranee che inghiottirono tutte le loro ricchezze sotto alla superficie dell’acqua, creando un lago che separava la Valle di Braies, da cui provenivano i pastori dalle montagne.

Il lago creato venne chiamato Lago Selvaggio di Braies.

Cosa fare a Braies: trekking, passeggiate e giri in barca

A Braies c’è l’imbarazzo della scelta per passare una giornata intera all’insegna del relax. L’attività più facile è il giro ad anello intorno al lago, dura circa un’oretta, è fattibile anche per le famiglie con bambini e permette di osservare il lago in tutte le sue angolazioni.

Estate al Lago di Braies: i miei trucchi per parcheggiare e godersi la magia del lago!

La seconda attività, super famosa, è l’instagrammato giro in barca.
I prezzi del giro sono: mezzora a € 19. Un’ora a € 29. Una barca può contenere fino a 4 persone e non è possibile prenotare in anticipo questa attività. Per tutte le info, lascio il sito della Palafitta e qui vi lascio gli orari:
– maggio/giugno/settembre/ottobre 10.00 -17.00
– luglio/agosto 8.30 – 19.00

Per i più sportivi, c’è anche la possibilità di fare diversi trekking. Uno più fattibile è quello che porta fino alla Malga Foresta, un sentiero piuttosto ampio e adatto anche alle famiglie. Il secondo invece è decisamente più duro, è il sentiero sulla Corda di Becco e permette di arrivare fino a 2.810 m.

Le escursioni però sono davvero tante, al sito turistico delle Tre Cime sono indicati tutti i sentieri possibili da percorrere.

Come raggiungere il Lago di Braies: parcheggi e mezzi pubblici

Come vi ho anticipato prima, passare l’estate al Lago di Braies non è facile subito, il lago è chiuso al traffico dalle ore 10 alle 15. Se dovete necessariamente raggiungerlo in macchina potete andare prima di questi orari e sperare di non trovare troppa coda, oppure prenotare al sito del lago di Braies il parcheggio, in questo caso il prezzo è di 10€ per avere il posto garantito.

Avete l’ingresso sicuro anche durante la chiusura del traffico se avete prenotato un ristorante o un albergo presso il Lago di Braies, vi basterà mostrare la prenotazione alle forze dell’ordine presenti lungo la strada.

Se arrivate senza prenotazione invece, e riuscite a parcheggiare, il costo giornaliero del parcheggio è di 6€. Se invece volete fare una toccata e fuga per qualche foto, il costo per mezz’ora è di 2€.

Se contate di passare l’intera giornata a Braies, valutate qualche soluzione alternativa:

  • Macchina: parcheggiando a Ferrara (si, c’è una Ferrara anche a Braies) potete lasciare la macchina più lontano e percorrere il sentiero 1 che porta al lago, sarà all’incirca un’oretta e mezza di cammino.
  • I mezzi pubblici: sia da Brunico che da San Candido potete prendere il treno fino a Villabassa. Da lì, nel piazzale della stazione, prendere l’autobus numero Autobus 442 per il Lago di Braies. Ci sono tante alternative con i mezzi pubblici, suggerisco di contattare l’ente ufficiale per tutte le info (info@pragsertal.info | 0474 748 660) e di scaricare l’app Südtirol Mobil per avere tutti gli orari aggiornati.
  • In bicicletta: come ho già accennato nell’articolo dedicato al Trentino Alto Adige on the road, ci sono tantissimi noleggi bici e piste ciclabili che collegano le cittadine con le attrazioni principali, un modo green e panoramico di visitare la regione.
Estate al Lago di Braies: i miei trucchi per parcheggiare e godersi la magia del lago!

Ultimi consigli prima di andare a Braies

Vi suggerisco, se andate d’estate al Lago di Braies, soprattutto alla mattina presto, di arrivare con maglioni o giacche antivento per restare al caldo. Portate sempre con voi le scarpe da trekking, sempre utili anche per escursioni facili.

Per il pranzo, non ho avuto modo di mangiare al lago essendo arrivata molto presto, ma la zona è piena di ristoranti, bar e anche hotel lungo tutta la strada, non avrete problemi a trovare una soluzione, oppure potete andare a mangiare alla Malga Foresta dopo una bella passeggiata!

Mi raccomando, rispettate la natura e la quiete di questo lago, buona visita!

#StayCappellacci

Grazie per aver letto il mio articolo. Mi chiamo Sara, sono una content creator di professione e travel blogger per passione.
Qui puoi sapere chi è Cappellacci a Merenda e valutare se ti va di collaborare con me.
Qui trovi il link alla mia pagina su Instagram e su LinkedIn.

8 pensieri su “Estate al Lago di Braies: i miei trucchi per parcheggiare e godersi la magia del lago!

  1. Sono stata al Lago di Braies diversi anni fa, ormai forse una decina, nella mia prima volta in montagna; devo dire che mi ha incantato per la bellezza dei paesaggi e la limpidezza dell’acqua. Un luogo magico che già allora ricordo molto frequentato; la cosa mi colpì già allora in modo negativo; mi sembrava come stessimo violando qualcosa di magico, che un incantesimo si potesse rompere a causa di una folla incontrollata. Penso che ad oggi, se non si scelgono i momenti giusti, possa perdere un po’ di fascino; quindi ben vengano i consigli: grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto