Cosa vedere a San Giovanni in Persiceto e dintorni

Mi segnavo sempre di andarci e poi quando era il momento me ne dimenticavo ma San Giovanni in Persiceto merita di essere visto, è un borgo incredibilmente bello, una vera galleria a cielo aperto come altri borghi dell’Emilia Romagna, che spettacolo ragazzi!

Mi ha subito colpito. Siamo a pochi passi da Bologna e da Ferrara, in un borgo coloratissimo pieno di arte, quindi ecco a voi cosa vedere a San Giovanni in Persiceto e qualche tips su cosa fare anche nei suoi dintorni, così da organizzare una gita o perché no, anche un weekend all’insegna del colore e della natura in una delle zone più adorabili della mia regione e… in questo post c’è pure un gatto!

Iniziamo.

Cosa vedere a San Giovanni in Persiceto

Siamo in provincia di Bologna, nel cosiddetto borgo rotondo e se aprite maps capite il perché, il centro della città è proprio tondo, perfetto per un percorso ad anello direi!

Il borgo è tagliato in due da Corso Italia, via centrale che vi consiglio di seguire tutta.

Sarà come immergersi in una piccola Bologna, vie porticate dai colori caldi fino ad arrivare a Piazza del Popolo, il centro cittadino, dove trovate la Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista e tutti i negozi, bar e ristorantini.

Cosa vedere a San Giovanni in Persiceto e dintorni

Qui, non so se è per un caso o se ci sono sempre, ho trovato le panchine più artistiche di sempre. Panchine ispirate ai grandi artisti come Van Gogh e Kandinsky ma anche panchine più allegre dove i pantaloni sono diventati perfetti vasi per i fiori.

Cosa vedere a San Giovanni in Persiceto e dintorni

La sedia di Re Gino, il gatto di San Giovanni in Persiceto

In piazza, sotto ai portici davanti alla chiesa troverete una statua decisamente originale, una sedia con sopra un gatto. Mi sono subito informata per sapere chi fosse e ho scoperto la storia di Re Gino, il beniamino di San Giovanni in Persiceto.

Passeggiava per il paese e andava ad incontrare tutti ed era amato da tutti, aveva addirittura fatto un calendario!

Purtroppo il gatto Gino è stato investito da un’auto nella notte, anni fa ormai. Il comune ha deciso di ricordarlo con una statua, davvero un bellissimo gesto, alla faccia di chi dice che gli animali non contano nulla!

Cosa vedere a San Giovanni in Persiceto e dintorni

I murales di Piazza Betlemme

Quando si cerca cosa vedere a San Giovanni in Persiceto appare subito piazza Betlemme, una piazzetta stupenda e ricca di colore, ma vi consiglio, mentre la raggiungete, di guardarvi intorno, l’arte la troverete ovunque!

Proseguite lungo Corso Italia fino a raggiungere Via Sant’Apollinare e seguite la via fino a Piazzetta Betlemme e lasciatevi conquistare dalla magia!

Cosa vedere a San Giovanni in Persiceto e dintorni

I murales sono stati realizzati negli anni ‘80 da Gino Pellegrini, famoso scenografo hollywoodiano e pittore incaricato di creare qualcosa che riqualificasse la zona e la sua idea fu geniale.

Ricorda tantissimo Alice nel Paese delle Meraviglie, i murales proiettano subito in un mondo fatato fatto di fiori, animali e ortaggi giganti, tutti riferimenti alla terra emiliana, è qualcosa di davvero suggestivo.

Cosa vedere a San Giovanni in Persiceto e dintorni

Vi consiglio però di aguzzare la vista per tutto il borgo, graffiti, murales e piccole opere di street art sono spare ovunque!

I musei di San Giovanni in Persiceto

Al borgo rotondo abbiamo anche tre musei e vi consiglio assolutamente di andare sui rispettivi siti (vi lascio tutti i link) per controllare la loro apertura o meno.

  • Il Museo d’Arte sacra, in pieno centro, dove troverete una particolarità, una curiosissima rappresentazione del parmigiano reggiano!

Dove parcheggiare a San Giovanni in Persiceto

Ci sono diversi parcheggi che ruotano attorno al centro storico, io ve ne consiglio uno piuttosto grande, gratuito, centrale e che ha una buona probabilità di avere sempre un posticino libero: il parcheggio del cimitero.

Davanti alla Porta Vittoria, proprio all’ingresso del centro storico, si accede dalla Strada Provinciale di Crevalcore. È un parcheggio molto grande, nel perfetto mezzo tra il centro e il Museo del Cielo e della Terra, si trova accanto al cimitero ed è circondato da un’area verde perfetta per una passeggiata nel verde dopo il giro in centro!

Non credete anche voi che Bologna e i suoi dintorni hanno davvero tanto da offrire?

Per non farvi mancare nulla, di ritorno dal giro potete fermarvi alla carinissima cittadina di Cento e immergervi nel Giardino del Gigante, oppure fermarvi al Santuario della Beata Vergine di San Luca e osservare i colli bolognesi dall’alto.

#StayCappellacci

Grazie per aver letto il mio articolo. Mi chiamo Sara, sono una content creator di professione e travel blogger per passione.
Qui puoi sapere chi è Cappellacci a Merenda, scoprire l’origine del mio nome, e valutare se ti va di collaborare con me.
Qui trovi i link alla mie pagine Instagram e LinkedIn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto